Italia Under 20: cosa c’è da sapere sui difensori Azzurrini

“Road to Poland” atto II. Prosegue il viaggio calcistico-culinario sulle orme degli Azzurrini che da giovedì inizieranno a giocarsi i Mondiali Under 20. Dopo esserci abbuffati con gli antipasti (piatti tipici del reparto-portieri: Road To Poland I) è il caso di tuffarsi sui primi. Sui difensori convocati dal nostro Misterchef, Paolo Nicolato. L’accostamento è sempre lo stesso, ovvero a ogni giocatore corrisponde una portata tipica del proprio paese d’origine. A ogni pietanza, inoltre, è associata una piccola descrizione o un paragone illustre tratti dal libro di ricette per eccellenza del calcio giovanile (l’almanacco de La Giovane Italia – gli Under 19 in cui crediamo, versione 2018-2019) e il piazzamento di ogni singolo ingrediente nel ranking di rendimento targato LGI.

PRIMI SFORNATI DALLA CUCINA LGI

- Luca Pellegrini (1999, Cagliari/Roma): con l’esterno capitolino che sta per concludere il periodo di sei mesi in prestito nell’organico del Cagliari si sfonda una porta… ta aperta. Il primo... dei primi non possono che essere gli spaghetti alla carbonara. Un piatto che profuma d’identità, la stessa che va man mano acquisendo il talento sbocciato nella “Cinecittà Bettini”.

Pillola Lgi, Chi ci ricorda: Vincent Candela

Posizionamento ranking: 18. serie A

- Alessandro Buongiorno (1999, Carpi/Torino): il versatile mancino scuola Torino, reduce da un’esperienza in cadetteria, a Carpi, rispecchia la personalità tipica della cucina piemontese. Transitare dalla zona delle Langhe senza aver assaggiato gli agnolotti del plin sarebbe come recarsi a Roma senza vedere… il Papa. Un bel plin (pizzicotto necessario a chiudere la sfoglia di pasta per confezionare l’agnolotto) lo meriterebbe il difensore (centrale o, alla bisogna, esterno) piemontese che ha assaporato il gusto amaro della retrocessione. Esperienza, anche questa, impagabile, soprattutto in ottica di una fortificazione di un carattere che, nel suo caso, è già quello dei grandi.

Pillola Lgi, tratta dalle Caratteristiche fisiche: Abbina i centimetri a una buona struttura fisica, che gli permette di farsi valere contro attaccanti forti nel gioco aereo. […]

Posizionamento ranking: 6. serie B

- Alessandro Tripaldelli (1999, Crotone/Sassuolo): Napoli è famosa, tra le migliaia di meraviglie insite nel territorio campano, anche per la produzione della pasta di grano duro. La stessa che è necessaria per realizzare una frittata di pasta all’altezza della tradizione e dei commensali. E di scorza dura ce n’è a frotte nella corazza dell’esterno sinistro che, all’età di 20 anni, ha già una carriera lunga alla spalle: dall’Ares Vomero (prima scuola calcio frequentata) fino ad arrivare al prestito in B al Crotone, ne è passata di acqua sotto i ponti: vivaio Juventus, esperienza in Eredivisie con lo Zwolle e acquisto da parte del Sassuolo. Un giocatore già europeo. Ingrediente perfetto per la ricetta del Misterchef Nicolato.

Pillola Lgi, tratta dalle Caratteristiche fisiche: Sempre l’ultimo a gettare la spugna. Pare essere dotato di sette polmoni: riesce a garantire continuità per tutto l’arco dei novanta minuti. […]

Posizionamento ranking: 30. serie B

- Luca Ranieri (1999, Foggia/Fiorentina): la Liguria è la terra della pasta al pesto: un classico per i visitatori della riviera. La Spezia è la città che ha dato i natali al promettente mancino sfornato dalla scuola calcio viola. “Basilico” di prima qualità ma che ha bisogno di… maturare ancora. La retrocessione (senza poter giocare i playout…) dei “satanelli” ha fatto molto discutere e ha diviso gli amanti del calcio. Su una cosa sono tutti d’accordo, però: Ranieri è un giocatore di prospettiva e ha provato a dimostrarlo giocando una stagione cadetta da titolare indossando la maglia del Foggia. Il ghiaccio è stato rotto.

Pillola Lgi, Chi ci ricorda: Faouzi Ghoulam

Posizionamento ranking: 3. serie B

- Antonio Candela (2000, Genoa): anche Candela è uno spezzino doc, come Ranieri. Tanto vale approfittarne e chiedere il bis della pasta al pesto che, come viene servita in Liguria... L’esterno destro in forza alla Primavera genoana e da tempo in orbita prima squadra è un autentico motorino abile a scorrazzare sulla corsia di destra. Non è un giocatore che trova spesso la via della rete e questo lo penalizza in ottica ranking di rendimento Lgi, ma è un giocatore eclettico: utilizzato anche a centrocampo o sulla corsia mancina. Un ingrediente preziosissimo a disposizione del Misterchef Nicolato.

Pillola Lgi, tratta dal Dicono di lui di Carlo Taldo (ds Primavera): […] Quando può esprimere la sua corsa sul binario di competenza risulta inarrestabile per i giocatori avversari che difficilmente riescono a tenere lo stesso passo. […]

Posizionamento ranking: 80. Primavera 1

- Matteo Gabbia (1999, Lucchese/Milan): Un bel risotto alla Giobia, piatto tipico di Busto Arsizio, non guasta tra i nove “primi” fortemente voluti dal Misterchef Nicolato. La luganega è l’ingrediente principe della ricetta lombarda: un insaccato fresco che sembra una salsiccia ma in realtà… non lo è. Ecco, un po’ come il suo “sponsor”. I tecnici di Gabbia hanno impiegato un po’ di tempo per capire di che pasta fosse fatto il ventenne nato proprio a Busto. Centrocampista? No, forse meglio difensore. Di sicuro un predestinato.

Pillola Lgi, tratta da Il suo 2018: Il giorno della Befana sedeva in panchina sedeva in panchina in A per il match del Milan contro il Crotone. […]

Posizionamento ranking: 5. serie C

- Raoul Bellanova (2000, Milan/Bordeaux): alzi la mano chi ha mai provato la zuppa del lupo, piatto tipico di Rho, territorio in provincia di Milano che ha dato i natali all’esterno rossonero, promesso sposo al Bordeaux, Raoul Bellanova. Pane bianco, vino rosso e zucchero sono gli ingredienti principali della portata. Un piatto ricco e, solo in apparenza, “confusionario”. In realtà tutto è molto ben equilibrato. Già l’equilibrio, caratteristica essenziale per poter sfondare nel mondo del calcio. Ed è ciò che manca al buon Bellanova, giocatore top per alcuni aspetti ma ancora da perfezionare sotto altri. Come dire: l’accostamento tra ingredienti diversi è possibile, basta saperli amalgamare bene…

Pillola Lgi, tratta da Caratteristiche fisiche: […] Potente, veloce, dotato di naturali doti di resistenza allo sforzo e “tenuta” aerobica.

Posizionamento ranking: 32. Primavera 1

- Davide Bettella (2000, Pescara/Atalanta): per chi ama i capperi deve bussare alle porte della cucina padovana. Ad aprire potrebbe esserci anche Bettella, veneto doc, che potrà proporre un bel piatto di bigoli con le sarde (e capperi, appunto). Un richiamo alla cucina di tradizione e all’essenza contadina. C’è profumo di sudore e gavetta. La stessa che sta pervadendo il diciannovenne di Padova che, dopo aver vinto di tutto e di più con l’Inter, ha mantenuto addosso i colori nerazzurri ma ha cambiato codice di avviamento postale: da Milano, sponda Inter, a Bergamo (Atalanta). Prima di fare ritorno tra le braccia della Dea, però, il difensore centrale sfornato dal club meneghino sta contribuendo ad alimentare il sogno promozione del Pescara. Per lui un finale di stagione in crescendo con tanto di titolarità e un gol realizzato in occasione dell’ultima giornata di campionato. Adesso, però ci sarà da trascinare l’Under 20 di Nicolato alla vittoria del Mondiale. Inter-Atalanta-Pescara, tre luoghi diversi, tre Cap diversi, ma il Misterchef degli Azzurrini non ha avuto problemi a rintracciarlo…

Pillola Lgi, Chi ci ricorda: Alessandro Nesta

Posizionamento ranking: 24. serie B

- Enrico Del Prato (1999, Atalanta): per chiudere la parata di “primi”, il Misterchef Nicolato non ha voluto sbagliare assicurandosi un bel piatto di casoncelli bergamaschi, classico raviolo ripieno di carne (di maiale o di manzo). Chi li addenta sa a cosa va incontro. Un po’ come con Del Prato, elemento buono per tutte le stagioni. Abile sia in fase difensiva che offensiva. Può giocare all’altezza dei difensori o anche davanti al pacchetto arretrato. Come prendere due piccioni con una… convocazione.

Pillola Lgi, tratta dal Profilo psicologico: Non sbaglia mai una partita. Ha già la testa da professionista. E non da quest’anno.

Posizionamento ranking: 71. Primavera 1

L’entrée è andata. I primi sono stati serviti. E adesso? Cinque secondi sono già in uscita. Il pass è sempre più rovente. Non resta che attendere ventiquattrore per tornare ad attingere a piene mani sulla tavola imbandita a tinte Azzurrine.