La Continassa accoglie 6 baby bianconeri pronti a stupire

La Giovane Italia bianconera ha già acceso i motori nel centro sportivo La Continassa in vista del prossimo anno. Come da tradizione, non foss’altro perché all’orizzonte c’è la consueta “due porte” in famiglia di Villar Perosa (programmata per il 14 agosto), la Juventus ha convocato un consistente numero di baby, in occasione del raduno. Ben sei di questi, in attesa del ritorno di Moise Kean dalle vacanze, fanno parte del bacino Lgi.

A cominciare dal portiere Leonardo Loria (1999). L’estremo difensore originario del Trapanese (è nato a Erice) e sbocciato nel vivaio della Reggina disse di esser stato lusingato, due anni or sono, dal potersi allenare con professionisti del calibro di Buffon, Szczesny e Pinsoglio. Bene, con il ritorno del Gigi nazionale tra i pali della Vecchia signora, Loria potrà continuare ad attingere a piene mani dai serbatoi dei portieri più esperti. In più potrà confrontarsi anche con Perin, prossima all’addio, ma ancora nei ranghi fino alla cessione.

Consistente il gruppo dei ’98 convocati da Sarri e ormai parte integrante della squadra Under 23 che ha preso parte all’ultimo campionato di serie C. Pietro Beruatto, difensore cresciuto calcisticamente in una società giovanile aretina (il Chimera) ha il sangue bianconero che scorre nelle vene. In questo momento è impegnato con l'Italia Universitaria e oggi sarà impegnato in campo nella semifinale contro il Giappone. Al termine della manifestazione si aggregherà al gruppo.
Anche il mancino Luca Coccolo conosce ogni singola pietruzza del “J-College”: altro elemento fatto in casa. A svezzare il centrocampista cuneese Simone Muratore ci ha pensato, quando il ventunenne piemontese era in tenerissima età, il Villafalletto. Chiude il quadro dei giocatori classe 1998 Luca Zanimacchia, attaccante cresciuto nella Polisportiva di Nova e, ancora prima, nel… garage di casa propria: ne è trascorso di tempo da quando sgambettava sotto gli occhi attenti del papà; oggi è un giocatore offensivo multitasking che può agire sia da prima punta che da esterno. La Juve lo ha preso dal Genoa, dopo un prestito, proprio nella stagione in corso. E dire che Zanimacchia era già stato vicinissimo ai bianconeri in un provino precedente alla firma col Genoa. Il matrimonio con la Vecchia signora, alla lunga, è stato celebrato.

Unico ’99 bianconero “di movimento” presente in ritiro alla Continassa è il centrocampista centrale della squadra Under 23, Alessandro Di Pardo. La sua storia calcistica è iniziata a Rimini, ma poi si è colorata, pian pano, di bianconero.