Nel Monopoli che supera il Cosenza brillano due Millennials

I protagonisti principali delle amichevoli che hanno coinvolto le formazioni di serie A e serie B sono stati i ragazzi di serie C, in orbita La Giovane Italia, che hanno incrociato i colleghi di categoria superiore.

Parma. Senza storia la partita vinta 4-0 dai ducali sugli austriaci del Micheldorf. Al contrario delle precedenti apparizioni, questa volta nessun LGI ha preso parte all’amichevole tra le fila della quadra gialloblù. Il solo Edoardo Corvi, portiere del classe 2001, era presente in panchina ma è rimasto ancora a guardare. Questa volta non è sceso in campo neppure Alessandro Minelli, a causa di alcuni fastidi lombari.

Atalanta. Netta affermazione anche per la Dea che sta disputando un ottimo precampionato e sembra pronta per la storica partecipazione alla prossima Champions League. Il 4-1 sul Norwich non ha avuto protagonisti ragazzi LGI, ma in campo c’erano calciatori che ne hanno fatto parte in passato. Il riferimento è al portiere Pierluigi Gollini, e al centrocampista Matteo Pessina.
L’estremo difensore del 1995, ha giocato praticamente tutto l’incontro, uscendo solo nel finale dopo essersi reso protagonista di buoni interventi. Gollini, che ha vestito le maglie dell’Under 18 di Manchester United e AstonVilla, si è consacrato nell’ultima stagione a Bergamo con 20 presenze in campionato e un rendimento costante.
Pessina, invece, nasce centrocampista centrale ma può giocare anche in mediana e sulla trequarti. Classe 1997, ieri ha giocato solo gli ultimi scampoli di partita.

Cosenza. Passando alla serie B, il risultato più clamoroso di giornata è stato il tonfo dei rossoblù ad opera del Monopoli. La squadra dell’ex tecnico silano Giorgio Roselli e dell’attaccante Ettore Mendicino (autore di due reti), ha vinto facile 5-1 sui silani, mettendo in mostra anche dei giovani interessanti che saranno utili nel prossimo torneo di serie C. In particolare Christian Mariano e Giacomo D’Addabbo (hanno giocato pure Gianmarco Antonacci, Cristian Mariano e Christian Nina), quest’ultimo, classico centravanti difficile da marcare, è cresciuto nell’Area Virtus Ludi. L’attaccante classe 2000 ha capitalizzato al meglio l'assist di Mendicino firmando il 3-1 a 10’ dallo scadere della prima frazione di gara. Gloria, prima del fischio finale, anche per l’altro giocatore offensivo, nato nel 2002 a Bitritto, vicino Bari, che ha firmato il gol finale dopo una respinta di Perina. Nella compagine cosentina, tra i ragazzi LGI è stato concesso un po’ di spazio nella ripresa (circa 20’) al solo Eugenio Licciardello. L’attaccante esterno del 2001, entrato in un momento delicato del match, è sprofondato nella grigia prestazione generale dei suoi e non è riuscito a suonare la carica. Il giovane originario di Catania, ha fatto la trafila delle giovanili all’ombra dell’Etna, prima di approdare in riva al Crati e dopo i primi mesi incoraggianti essere convocato per questo ritiro precampionato.

Spezia. Buona affermazione per i bianconeri, 3-0 alla Fermana. A prendere parte alla festa anche il giovane Vincenzo Pinto, subentrato nel secondo tempo e che ha fatto vedere buone giocate nei 25’ chiamato in causa. Sistematosi tra i tre d’attacco, il classe 2000 ha partecipato alle azioni che hanno portato agli ultimi due gol spezzini.

Juve Stabia. Anche le "vespe" hanno messo il turbo, superando 3-1 il Campobasso. Un tempo e mezzo in campo per Salvatore Elia, con tante buone giocate da parte dell’attaccante esterno classe 1999. Il ragazzo originario di Prato, conosce ormai bene il 4-3-3 disegnato da Fabio Caserta e avrà la possibilità di giocarsi le proprie chance anche nel corso della stagione.

Frosinone. L’ambizioso Monza targato Berlusconi e Galliani strappa un ottimo pari al Frosinone, compagine di categoria superiore. Il 2-2 finale rispecchia l’andamento di un match tra due compagini che non fanno mistero di voler fare il salto di categoria, rispettivamente in A e B. Tra i giovani orbitanti ne La Giovane Italia, in campo, per uno spezzone di gara, il solo brianzolo Alessandro Di Munno. Il mediano classe 2000, che contro i ciociari ha giocato poco più di 15’, è reduce da una stagione importante in serie D con la maglia della Caronnese: 34 presenze e 4 reti.
Francesco Calvelli