Serie D – I protagonisti, Quarta puntata: Gaetano Vitale

Il nostro viaggio in lungo e in largo per lo stivale a caccia dei migliori talenti under della Serie D non poteva non fare tappa a Sorrento. E non solo per il clima consono al periodo, per la bellezza del sole e del mare e per il calore della gente.

In questo splendido mix di ingredienti è sbocciato uno dei profili più interessanti della stagione appena concluso. Gaetano Vitale, centrocampista classe 2001 e cugino del più noto Luigi, ha stupito tutti per la ottima visione di gioco e una notevole capacità di lettura in una posizione delicata come la zona nevralgica del campo.

I numeri della sua stagione ci dicono di ventinove presenze condite da tre gol racchiusi in 15 giorni nelle vittorie contro Gelbison e Nardò nel mese di Marzo, a coronamento di un crescendo di prestazioni che è coinciso con la risalita in classifica dei rossoneri fino all'undicesimo posto finale nel girone H di Serie D.

Per scoprire invece quello che è Gaetano al di fuori delle statistiche abbiamo interpellato Antonio Amodio, nella scorsa stagione consulente di mercato ed appena "promosso" a Direttore Sportivo della compagine della penisola.

Antonio Amodio, appena nominato DS del Sorrento (foto FB FC Sorrento)

"Gaetano è un ragazzo splendido. Deve compiere ancora 18 anni (il prossimo 4 Agosto, ndr) ma ha già una spiccata maturità calcistica".

Ovviamente, non possiamo non iniziare con un profilo tecnico...

"E' un centrocampista che può giocare sia come mezz'ala in una linea a tre che come esterno in una linea a quattro.  E' destro, ma non disdegna l'uso del mancino. Ha ottimi tempi di inserimento e una spiccata capacità di lettura delle situazioni di gioco".  

Dal punto di vista fisico, invece, è ancora tutto da costruire...

"Ha un fisico longilineo su cui si potrà lavorare molto nelle prossime stagioni. Non è dirompente e va irrobustito ma il tempo è dalla sua parte, perchè la "gamba" c'è già. La sua scaltrezza però compensa le lacune attuali". 

Scaltrezza che ha anche al di fuori del rettangolo verde?

"Gaetano è nato a Castellammare di Stabia, ed è sempre stato abituato ad ambienti non facili. Umilissimo e sveglio, è con noi da tre anni (in precedenza ha vestito anche le maglie dei settori giovanili di Meta, Turris e Sant'Agnello di Gragnano) e qui ha trovato la sua dimensione, esordendo in Eccellenza. Parla poco ma è "furbo" e sa quando farsi sentire, sia in campo che fuori. 

E qualche giorno fa è arrivata la ciliegina sulla torta ...

"Esatto. Ha recentemente vinto il premio riservato dalla LND al miglior under e ciò ha confermato le qualità messe in campo nell'ultima annata, rappresentando per noi un grande orgoglio". 

Per chiudere, il futuro di Gaetano è ancora a Sorrento?

"Abbiamo ricevuto un paio di proposte interessanti, ma piuttosto che vederlo comprimario in una categoria superiore, preferirei continuasse il suo percorso di crescita con noi nella prossima stagione in Serie D, magari aumentando il suo apporto realizzativo". 

(4 - continua)

Ripercorriamo insieme le altre puntate:

Settima puntata: Andrea Acquistapace

Sesta puntata: Ayman Sanat

Quinta puntata: Luca Brunelli

Terza puntata: Raffaele Santagata

Seconda puntata: Mattia Morello

Prima puntata: Alex Sposito