Top 5 salita di livello: il ranking di serie C funziona

Quando si sposa un progetto e si lavora con passione al fine di realizzare un prodotto di qualità, il risultato definitivo non può che essere buono e le risposte trovate vanno a combaciare con i reali valori espressi in campo. È, di fatto, quanto accaduto con il ranking di serie C de La Giovane Italia della passata stagione.
Partito come una scommessa non certo semplice da vincere, a conti fatti si è dimostrato un valido strumento per fotografare le qualità dei giovani di serie C. Basti guardare chi si è assicurato i primi cinque posti della graduatoria per rendersi conto dell’analisi appena fatta.
I migliori ragazzi LGI, secondo criteri stabiliti inizialmente con cura, al termine della stagione sono risultati tutti elementi che hanno fatto il salto di categoria. Il riferimento è ad Alessandro Fiordaliso, terzino classe 1999 lo scorso anno al Teramo e adesso in forza al Venezia, in serie B, dov’è stato girato in prestito dal Torino, primo in questa speciale classifica con 3.270 minuti giocati. Al secondo posto troviamo il pari età e compagno di ruolo, Marco Sala, che dopo aver giocato 3.088 minuti con l’Arezzo adesso si ritrova in cadetteria con la Virtus Entella. A completare questo podio virtuale, Gabriele Bellodi, difensore centrale del Crotone che nella passata stagione aveva dato il proprio contributo, con 2.924 minuti, all’Olbia. Gli ultimi due per formare i magnifici cinque, sono i due classe 1999, entrambi difensori centrali: Alessandro Minelli del Parma ma ora in prestito al Trapani e lo scorso anno al Rende con 2.769 minuti all’attivo, e Matteo Gabbia, tornato dalla Lucchese alla casa madre Milan dove pare avere la stima di Marco Giampaolo. Scorrendo la classifica, non si può fare di notare la presenza di tre ex Albissola come Matteo Calcagno, Shady Oukhadda e Filippo Oliana. Si tratta di un 2000 (il primo) e due 1999, che hanno raccolto rispettivamente un minutaggio di 2.481, 2.392 e 2.294 e ora giocano con Virtus Francavilla il difensore esterno destro, Robur Siena il centrocampista mentre il poliedrico difensore capace di ricoprire tutti i ruoli del pacchetto arretrato è rientrato alla Sampdoria.
Dal canto suo, la compagine di ligure rappresentante la città in provincia di Savona, nella graduatoria per squadre ha staccato tutte le altre con 12.463 minuti complessivi per i giovani LGI, contro i “soli” 5.893 dell’Olbia, 4.557 della Lucchese, 4.399 della JuventusU23 e 3.966 della Pro Vercelli a ultimare la top five. Per raggiungere così tanti minuti di gioco per gli under, all’Albissola è servito anche l’importante contributo di Davide Sibilia (1.518’), regista del 1999 in mezzo al campo rientrato nelle giovanili del Genoa, il portiere Giacomo Piccardo (1.512’) attualmente svincolato, l’attaccante Raffaele Russo (875’) ora alla Pro Vercelli, in prestito dal Napoli, e la mezzala destra del 2000, Gabriele Raja (1.392’), adesso nella rosa dell’Arezzo.
Piccoli, grandi, con un futuro ricco di prospettive che li aspetta, LGI, crescono.
Francesco Calvelli