Alice Corelli, la bomber giallorossa con il gol nel sangue

Tra le calciatrici che hanno maggiormente impressionato nel Campionato Primavera 2019/20 spicca il nome di Alice Corelli.
Nata a Roma il 28 novembre del 2003, la giovane attaccante della formazione di mister Melillo ha il giallorosso cucito addosso fin da piccola. Cresciuta calcisticamente nel vivaio della AS Roma, ha un innato fiuto per il gol e la capacità di centrare la porta da qualsiasi posizione.
Giocatrice dotata di una gran tecnica e ben strutturata dal punto fisico, può essere impiegata come punta centrale o come seconda punta, ruolo che predilige data la capacità di giocare tra le linee e di proporsi sulla fascia sinistra. Molto brava nel difendere la palla e veloce nel far ripartire l'azione, gioca sempre per la squadra e mai per se stessa. Viene considerata una leader all'interno dello spogliatoio giallorosso, vista l'attitudine al lavoro e la facilità con la quale trasmette sicurezza alle compagne.

Numeri pazzeschi con la formazione Primavera
Le ultime due stagioni con la Primavera hanno messo in luce la straordinaria capacità realizzativa di Alice, caratteristica che la colloca tra le calciatrici più forti del panorama giovanile. Nel campionato 2018/19 l’attaccante giallorossa ha messo a segno 15 reti in 17 presenze, vincendo la classifica marcatori pari merito con la compagna di squadra Chiara Manca e con Stella Botti del Sassuolo.
Statistiche migliorate nell’ultima stagione, dove ha timbrato il cartellino 19 volte in 13 gare. Nonostante l’infortunio alla caviglia, che l'ha tenuta un mese lontano dai campi, ha collezionato 1022 minuti in campionato, vantando la media impressionante di un gol ogni 54 minuti. Numeri che le hanno permesso di piazzarsi al secondo posto nel Ranking Primavera de La Giovane Italia (preceduta soltanto dalla bianconera Alice Ilaria Berti) e di essere inserita nella Top 11 LGI.
Con la formazione giallorossa ha partecipato al Torneo di Viareggio femminile, classificandosi al secondo posto e realizzando una rete su calcio di rigore nella gara d'esordio vinta per 3-1 contro l'Inter.

In maglia azzurra
Nel 2019 con la Nazionale Under 16, sotto la guida del tecnico Jacopo Leandri, ha partecipato al Torneo delle Nazioni di Gradisca d'Isonzo, dove l'Italia ha conquistato il terzo posto.
Con la maglia azzurra dell'Under 17, nell'ottobre 2019, ha giocato da titolare le gare contro Scozia (vittoria per 4-0) e Montenegro (vittoria per 2-0) valide per il girone di qualificazione alla fase élite del Campionato Europeo di categoria.
Nel gennaio 2020 ha saltato per infortunio le due amichevoli contro la Norvegia Under 17, dovendo rinunciare anche alla successiva convocazione per la doppia sfida amichevole contro il Portogallo, a fine febbraio, in terra lusitana.

L'esordio in prima squadra
Nonostante la giovane età Alice Corelli si allena stabilmente con le forti compagne di Serie A, respirando ogni giorno l'aria della prima squadra. L'allenatrice Elisabetta Bavagnoli l'ha convocata per il ritiro estivo in preparazione della stagione 2019/20, per poi farla esordire nell'amichevole del 6 novembre scorso contro la Nazionale del Venezuela allo Stadio Tre Fontane di Roma. Entrata ad inizio secondo tempo al posto di Heden Corrado, è stata schierata come esterno basso disputando una buona parte di match.
Ad oggi ritagliarsi uno spazio in prima squadra è un compito duro, visto il livello delle attaccanti della Roma, ma il futuro sembra sorridere alla Corelli. Il talento non le manca, nell'ultimo anno è cresciuta molto anche dal punto di vista fisico, ed ha la fortuna di lavorare sia con la Bavagnoli che con mister Fabio Melillo, un autentico fuoriclasse del calcio giovanile. I presupposti per una carriera ad alti livelli ci sono, sta a lei continuare a crescere con costanza e senza fretta per poter rispettare le aspettative e costruirsi un futuro in Serie A.

 

Photo credit: Fabio Cittadini - Pagina Facebook GialloRosse