I Talenti della D: Luciano Pitarresi, 2001 dell’Acireale

Dopo aver visitato la splendida Sardegna nella scorsa puntata, oggi cambiamo isola e ci spostiamo nella calorosa Sicilia, dove ci attende un altro profilo under che si è ben distinto con la maglia dell'Acireale nel girone I di Serie D.

Incontriamo infatti, grazie anche all'ausilio di un amico de La Giovane Italia come Fabrizio Faro (osservatore di società professionistiche e grande conoscitore del calcio siciliano) uno dei portieri più promettenti della categoria. Nato a Palermo nel 2001, Luciano Pitarresi è cresciuto calcisticamente proprio tra i rosanero. Dopo un passaggio fugace alla primavera del Foggia, arriva finalmente la chiamata giusta. Lo sbarco in Serie D in una piazza affamata di calcio come Acireale.

A farci da Cicerone per scoprire meglio le caratteristiche di questo estremo difensore è però proprio chi sta "costruendo" il suo futuro calcistico. Francesco Spampinato, preparatore dei portieri acesi, ci ha raccontato il percorso fin qui più che positivo del suo "pupillo".

"I progressi di Luciano sono evidenti - esordisce Spampinato - sotto tutti i punti di vista. Nel corso di questi mesi ho visto dei progressi sia tecnici che comportamentali che non fanno altro che corroborare il già ottimo giudizio che avevamo di lui".

Che tipo di portiere è Pitarresi? "Il suo punto forte è il posizionamento tra i pali, dove si mostra sicuro e reattivo. Anche nelle uscite è progredito tantissimo e, in una squadra come la nostra che vuole partire dal basso, anche in fase di impostazione le sue prestazioni sono notevolmente migliorate".

I numeri a supporto delle parole allora li mettiamo noi: 5 clean sheet in 26 presenze, un rigore parato a Marsala ad inizio stagione, una lunga serie di voti alti in pagella e, ciliegina sulla torta, il grande match sfoderato al "Barbera" contro la sua ex squadra nel blitz granata del dicembre scorso.

Tornando, invece, al nostro interlocutore di giornata Francesco Spampinato, abbiamo approfondito anche un altro tema che ci sta molto a cuore sul mondo under, cioè la maturità caratteriale dei ragazzi: "Luciano è un portiere che si fa sentire parecchio in campo, nonostante la presenza di una retroguardia molto esperta;  e ciò è sintomo di grande personalità. La sua continua ricerca di miglioramento, inoltre, è sempre rivolta al bene suo oltre che a quello della sua squadra".

Acireale che, in un passato non molto remoto, ha avuto una tradizione consolidata di portieri affidabili come Orlandoni, Pavarini, Cordaz: nomi che, assieme a tanti altri, hanno garantito buona guardia ai pali granata. Pitarresi è solo l'ultimo di questa serie, ma è quello che ha riacceso la miccia della passione tra i tifosi acesi.

Naturalmente, le sue performance hanno convinto più di un addetto ai lavori a segnare il suo nome sui taccuini di diverse società di categoria superiore. Ma sia il mister Peppe Pagana ("Cosa ci va a fare in Serie C se poi non gioca? - ha dichiarato tranchant recentemente) che lo stesso Spampinato hanno le idee molto chiare: "Luciano lavora sempre al massimo delle sue possibilità. E reputo abbia i requisiti per poter percorrere la strada del professionismo. Qui però adesso si trova bene e noi siamo contenti così. Speriamo possa restare ancora ad Acireale".

Luciano Pitarresi, come tutti gli altri talentuosi under della serie D (qui tutte le puntate precedenti) e di tutte le altre categorie, è presente nel ranking de La Giovane Italia.  Restate connessi attraverso tutti i nostri canali per non perdere nessuna novità sullo sviluppo e la crescita dei prospetti italiani più interessanti provenienti dalla Lega Nazionale Dilettanti.