Amichevoli, Pinamonti parte forte: tripletta all’esordio

Arrivano i primi risultati a sorpresa dalle amichevoli estive. L’allievo batte il maestro in Napoli-Benevento con le streghe di Pippo Inzaghi che si sono imposte 1-2 sui partenopei guidati da Carlo Ancelotti. Il minutaggio frazionato delle amichevoli tiene in considerazione anche alcuni ragazzi virtualmente da La Giovane Italia. In particolare, tra gli azzurri, è stato il trequartista nato nel 2000, Gianluca Gaetano, giocatore con un passato da punta centrale ma che, grazie alle sue doti tecniche, è riuscito a ritagliarsi un posto importante come fantasista. Abile nei dribbling e nell’ultimo passaggio, sembra che il nuovo ruolo gli sia stato cucito addosso. Ancelotti ha regolato spiccioli di gara anche all’altro 2000, il difensore Alessandro Zanoli, utilizzato sulla corsia di sinistra per l’occasione ma capace di giocare anche a destra o come centrale in una difesa a tre e all’attaccante del 2001 Lorenzo Sgarbi, punta ben strutturata fisicamente che però più che una boa, come potrebbe sembrare all’apparenza, è molto dinamico e si muove su tutto il fronte offensivo. Bravo in progressione.
A fare festa a Dimaro sono stati i tre Under 20 del Benevento, Luca Sparandeo, Giovanni Volpicelli e Giuseppe Di Serio. Tutti e tre sono stati mandati in campo nel secondo tempo da Inzaghi. Frazione completa però soltanto per Giovanni Volpicelli, smanioso di riscattare la scorsa stagione in cui non è mai sceso in campo in serie B. Dal 68' sono poi entrati sul terreno di gioco pure Luca Sparandeo e Giuseppe Di Serio, che hanno contribuito al successo dei giallorossi. Il difensore, dopo la crescita evidenziata con la Viterbese, vuole convincere il nuovo allenatore a trattenerlo. Per Di Serio, classe 2001, la vetrina del ritiro rappresenta un'ottima occasione per proseguire il percorso di sviluppo.
Tutto secondo pronostico, invece, negli altri due test precampionato che hanno visto la goleada di Parma e Genoa contro ASV Prad (14-1) e Val Stubai 9-0. Nel match dei ducali, è stato convocato ma rimasto tutta la gara in panchina il "nostro" Edoardo Corvi. Estremo difensore classe 2001, Corvi milita nella Primavera parmense dove nella passata stagione ha giocato 15 partite dal 1’, per un totale di 1.350’ con 25 reti subite. Ultima gara il 20 aprile scorso, vinta 2-1 contro il Cittadella.
Subentrato nella ripresa invece il difensore Alessandro Minelli. Il classe 1999 arrivato dal Rende dopo una buona stagione in serie C ha preso il posto di Iacoponi nella linea a 4 di D'Aversa. Il ragazzo monzese vuole giocarsi le sue chance per restare in gruppo.
Tra i grifoni, spicca Andrea Pinamonti. L’attaccante classe 1999, dopo la buona stagione con il Frosinone dove ha collezionato 27 presenze e 5 gol (l’ultimo il 3 aprile scorso nella vittoria con il Parma), è stato protagonista anche nella sfortunata avventura dell’Italia Under 20 ai recenti mondiali svoltisi in Polonia e cha ha visto il cammino dell’Italia interrompersi solo in semifinale con l’Ucraina. Pinamonti ha realizzato i gol vittoria prima nella fase a gironi contro l’Ecuador e poi agli ottavi di finale con la Polonia, completando il quadro dell’ottimo torneo disputato, con la doppietta ai quarti nel 4-2 con il Mali lo scorso 7 giugno. Il centravanti scuola Inter ha ripreso, nella prima amichevole con i nuovi compagni genoani, da dove aveva lasciato, vale a dire andando in rete con una tripletta nei primi 45’ giocati.
Nella prima parte di gara hanno giocato anche Mattia Zennaro e Nicolò Rovella. Centrocampista classe 2000, Zennaro non solo è dotato di estro e fantasia, ma è anche dotato di un ottimo piede che gli rende semplice l’impostazione del gioco e le verticalizzazioni. Partito come trequartista, con il passaggio in prima squadra ha arretrato il suo raggio d'azione: ora gioca mezzala.
Buona prova anche per Rovella, regista che i rossoblù hanno prelevato dall'Alcione. Il centrocampista classe 2001 nella prossima stagione cercherà la definitiva consacrazione nel campionato Primavera. Già al suo primo anno in Under 19 ha fatto vedere buone cose, siglando anche tre gol.
Nella ripresa Andreazzoli ha dato spazio a Nicholas Rizzo. Il difensore del 2000 è dotato di un fisico statuario e molto abile nell’uno contro uno. Sa giocare sia a 3 che a 4 dietro, duttilità che gli allenatori apprezzano molto e che lo aiuterà, certamente, anche con il Genoa. Altra caratteristica importante è quella di saper coordinare la fase di marcatore a quella di regista difensivo capace di impostare la manovra.

Francesco Calvelli

 

Credit foto: profilo Twitter Genoa CFC