Colombini, vita nerazzurra aspettando di diventare grande

Come ogni lunedì che si rispetti, La Giovane Italia va alla scoperta di un “talento in erba” ripercorrendo i tratti salienti del suo percorso calcistico. Il nostro protagonista di oggi è Lorenzo Colombini nato a Milano nel 2001 e che proprio al capoluogo lombardo ha legato tutta la sua formazione calcistica, che lo ha portato quest'anno ad affacciarsi per la prima volta tra i professionisti. Dagli inizi nella Scuola calcio Inter i colori nerazzurri hanno rappresentato una costante del suo percorso. Già perché in seguito è stata proprio l'Accademia Inter a proiettarlo in orbita, come accaduto a molti illustri predecessori (come Zappa e Rovella) e altri giovani di belle speranze che stanno dando l'assalto al calcio dei grandi (quali De Maria, Bagheria e Mirarchi) le cui storie vi abbiamo raccontato nelle scorse settimane.

Nella società di Via Cilea, Lorenzo svolge le due annate Pulcini e il primo anno di Esordienti giocando sotto età. Il passaggio del classe 2001 nella storica società milanese non è passato inosservato, come emerge dalle due testimonianze che abbiamo raccolto. La prima di Matteo Orlandini (oggi responsabile scouting A.C. Monza), che ricorda Colombini come un ragazzo dotato di grandi abilità nei gesti tecnici, propensione alla fase offensiva con conseguente apporto nella zona di finalizzazione e dotato di un buon gioco aereo. La seconda arriva da Matteo Zago (ex istruttore Accademia Inter) che afferma: “La grande famiglia e la serietà del ragazzo li definisco come due capisaldi della sua formazione calcistica”. Altro pensiero arriva da un suo ex compagno ai tempi dell’Accademia, di numerose avventure e assoluto protagonista dell’articolo precedente ovvero Fabrizio Bagheria. I due giocarono insieme durante il primo anno Esordienti nella società di Via Cilea per poi ritrovarsi successivamente nell’altra società neroazzurra, l’Inter. Fabrizio ricorda la somiglianza con Lorenzo dal punto di vista caratteriale e lo definisce come un ragazzo concentrato e molto determinato nel costruire qualcosa di importante in ambito calcistico. I due si ritroveranno appunto all’Inter a condividere numerose avventure, e persino lo stesso pulmino per recarsi agli allenamenti.

L’avventura di Lorenzo continua quindi con la maglia dell’Inter dal secondo anno di Esordienti fino alla Primavera. Con i nerazzurri mette in risalto le proprie abilità tanto poi da contraddistinguersi per la sua leadership e diventare al contempo capitano in molte delle annate che lo vedono protagonista. Abilità che sottolineate anche dalle tante convocazioni in azzurro, con la cui maglia Lorenzo conta apparizioni nelle selezioni Under 15, Under 18 e Under 19. Prima delle divisione delle strade tra Colombini e l’Inter, nell’ultimo anno in Primavera Lorenzo è stato capace di lasciare il segno anche in Youth League con gol e assist contro il Barcellona, oltre a quello nel "derby d'Italia" di campionato contro la Juventus.

Il passo successivo della carriera di Lorenzo è stato rappresentato dalla firma con lo Spezia, preludio al passaggio in prestito in Lega Pro con il Novara. In questo momento il ragazzo è ai box per alcuni problemi muscolari, che spera di mettersi alle spalle per dimostrare ancora il suo valore e poter conquistare traguardi e soddisfazioni importanti anche nel calcio dei grandi.

Articolo a cura di Emanuele Monetti.

Credit foto: Martina Cutrona.

SCOPRI QUI LE CLASSIFICHE DEI RANKING LGI