Contini, gol e tecnica sognando l’esordio in Serie A

CLICCA QUI PER ACQUISTARE L'ALMANACCO LGI 2021

Il protagonista U20 di questa settimana è un ragazzo forse ancora poco conosciuto al grande pubblico, ma che sta facendo le fortune della sua squadra gonfiando la rete e risultando più volte decisivo, collezionato nel frattempo anche 4 panchine in Serie A. Stiamo parlando di Gianluca Contini, attaccante del Cagliari che sta ben figurando con la squadra Primavera allenata da Alessandro Agostini, ex difensore rossoblu.

Gianluca è nato nel giugno del 2001 a Massa Marittima, tira i primi calci a 5 anni nel Follonica dove viene notato dagli osservatori dell’Empoli e acquistato all’età di 9 anni. Dopo soli due anni, passa al Livorno, da dove dopo un anno farà ritorno ad Empoli. A 15 anni, poi, viene acquistato dal Cagliari per incominciare la trafila fino a quest’anno in Primavera 1, un percorso che gli ha regalato la gioia della chiamata con la Nazionale Italiana U16 per il Torneo dei Gironi del 2017. Il ragazzo è un brevilineo, molto rapido e veloce, caratteristiche che si sposano benissimo con il ruolo che ricopre in campo, quello del trequartista o attaccante esterno. Tecnica sopraffina e un piede destro molto educato sono le altre caratteristiche che Gianluca porta nel rettangolo verde ed esprime al meglio regalando giocate importanti che lo fanno essere molto decisivo per le sorti della sua squadra.

Il ragazzo è a quota 11 gol stagionali, 10 in campionato dove proprio domenica ha raggiunto la doppia cifra siglando il gol del 2-0 contro la Juventus nella netta vittoria degli isolani per 3-0. Gol che ha messo in evidenza le maggiori caratteristiche del ragazzo che, dopo aver ricevuto palla sul lato sinistro del campo, è rientrato e con un tiro a giro di destro ha insaccato sotto il sette del palo opposto. Gianluca con le sue reti sta permettendo al Cagliari Primavera di essere in piena corsa per la post season e quindi per le finali scudetto.

Ragazzo che si è subito innamorato dell’isola sarda e della maglia che indossa, trovando in Daniele Conti, ora dirigente, un esempio da seguire proprio per il suo attaccamento alla divisa cagliaritana, per ruolo e caratteristiche si ispira anche a Federico Chiesa. Se continuerà a tenere questa media realizzativa e a regalare successi alla sua squadra potrebbe non essere lontano anche l’esordio nella massima serie, vista la considerazione di mister Semplici. Il sogno di una vita che si realizzerebbe ed avrebbe una valenza enorme visto l’amore che prova per quella maglia. E allora chissà che quella maglia sudata non se la possa regalare e incorniciare ben presto, come ricordo di un giorno speciale.

SCOPRI LE CLASSIFICHE DEI RANKING LGI

 

Credit foto: Elena Accardi/cagliarinews24.com