Fabio Abiuso, giovane bomber del Modena

Il calcio giovanile sta lentamente riprendendo, con il Campionato Primavera 2 che ha riaperto i battenti la scorsa settimana. Una vetrina importante per molti talenti, mentre altri hanno avuto la possibilità di giocare anche negli ultimi mesi nonostante i campionati giovanili fossero fermi. Tra i ragazzi che hanno trovato spazio in prima squadra figura Fabio Abiuso, attaccante in forza al Modena.

Dall’Under 17 ai grandi senza passare dalla Primavera

Nato il 2 febbraio 2003, Abiuso comincia la sua carriera calcistica nel Settore Giovanile del Sassuolo. Dal club neroverde comincia un personale giro dell’Emilia, che lo porta nell’estate del 2017 a giocare nella Reggiana (che all’epoca si chiama ancora Reggio Audace). In granata resta solo un anno, per poi scegliere il Modena come club in cui completare la sua formazione giovanile.

In gialloblù mostra le sue qualità realizzative in tutte le formazioni giovanili, dando il meglio di sé nella stagione 2019/20 quando risulta il miglior marcatore dell'Under 17. Purtroppo il campionato si è concluso in anticipo a causa del Covid, ma le prestazioni di Abiuso non sono passate inosservate. Emblematica in tal senso la scelta del tecnico della prima squadra Michele Mignani, che decide di portarlo con sé per il ritiro estivo nonostante non abbia compiuto l’ultimo step giovanile in Primavera.

Una chiamata inaspettata, che Abiuso sfrutta nel migliore dei modi. Nel corso del ritiro estivo viene impiegato nelle amichevoli contro Spal Primavera e Venezia, segnando in entrambe le circostanze. Un’anticamera dell’esordio ufficiale con i grandi, che si materializza qualche settimana dopo. Il debutto arriva il 23 settembre, nel finale della sfida di Coppa Italia col Monopoli. In campionato invece il giovane bomber gioca tre spezzoni di partita contro Ravenna, Feralpisalò e Perugia. Solo pochi minuti, in cui un ragazzo proveniente dall’Under 17 ha dimostrato di potersi misurare con i grandi.

Attaccate completo, che fa già gola alla Serie A

Abiuso è un attaccante centrale, che sfrutta il suo metro e 90 per disimpegnarsi al meglio nel gioco aereo. Oltre che per duellare con i difensori avversari, il giovane bomber del Modena sfrutta le sue doti fisiche per far salire la squadra aiutando in fase di organizzazione della manovra offensiva oppure tenendo la palla lontana dall’area nei momenti di difficoltà.

Si tratta di un attaccante che ha anche altre qualità, tra cui un buonissimo tasso tecnico con cui sa disimpegnarsi nell’uno contro uno e una potente conclusione dalla distanza. Tutte doti che non solo hanno attirato i tecnici delle nazionali giovanili azzurre, ma anche i dirigenti di qualche club di Serie A come Napoli e Torino. Il loro intento sarebbe quello di farlo maturare nelle rispettive squadre Primavera, ma Abiuso ha già fatto intravedere una certa predisposizione per il calcio dei grandi.