Giovanni Camilletti, la spinta mancina del Genoa

Tra le squadre che maggiormente si sono messe in mostra nelle primissime partite del Campionato Nazionale Under 15 c’è il Genoa, capolista del girone A con tre vittorie in altrettante partite.

E fra i diversi giocatori che hanno destato l’attenzione nei tre match giocati finora, un posto di rilievo è sicuramente occupato da una new entry, il terzino sinistro Giovanni Camilletti, giocatore che occupa, attualmente, il terzo posto del nostro ranking dedicato alla categoria Under 15.  Tre prestazioni molto solide in fase difensiva, in comunione con tutti i compagni di reparto, e decisamente efficaci in quella offensiva, con anche un gol realizzato contro la Reggiana, spiegano il suo alto punteggio e la sua presenza sul podio.

Arrivato a Genova, sponda rossoblù, nella scorsa estate, Camilletti ha immediatamente dimostrato di essere un terzino più che mai moderno: fisico imponente, grande forza, efficace dietro quanto straripante quando si spinge in avanti. Gli osservatori del “Grifone” lo hanno scovato in Umbria e, dopo alcuni tornei di prova, in estate lui ha deciso di passare dal rossoblù dell’Asd Cannara, società del paese in cui è cresciuto, a quello del Genoa, portandosi dietro anche un’esperienza vissuta da "doppio sotto età" a Spello.

A parte i colori, è ovviamente cambiato tutto: una nuova città, una nuova squadra. Un nuovo mondo. Eppure Giovanni si è ambientato subito molto bene, integrandosi alla perfezione nella nuova vita e anche nei meccanismi della squadra di mister Cipani. Del resto, come lui stesso ci ha confidato, l’accoglienza e la disponibilità dello staff tecnico e dei nuovi compagni ha reso questo passaggio decisamente più semplice.

Il suo idolo è Sergio Ramos, il giocatore a cui più si ispira, visto il ruolo, è invece il milanista Theo Hernandez. L’augurio è che, un giorno, possa raggiungere il livello di questi giocatori.