Italia Under 19, i centrocampisti: 3 juventini per Nunziata

La diga centrale composta da Carmine Nunziata in Armenia dovrà garantire equilibrio e geometrie. Durante la doppia fase preliminare all'Europeo Under 19, l'Italia ha realizzato 14 reti equamente distribuite tra le tre partite di qualificazione e le altre tre dell'Élite Round. Viceversa ha invece incassato tre gol  in due gare, restano imbattuta nei quattro match restanti. Dato sintomatico del fatto che il reparto mediano abbia funzionato bene fino a questo momento. Nell'elenco dei convocati di Nunziata non sono entrati Sandro Tonali e Alessio Riccardi. Il centrocampista del Brescia ha fatto parte dello sfortunato assalto Azzurro all'Europeo Under 21 giocato in casa. Riccardi invece è rientrato a Roma dopo la settimana di raduno a Coverciano in cui non ha potuto allenarsi con continuità a causa di alcuni fastidi fisici pertanto non ci sarà nelle gare in Armenia.
Il ct azzurro ha inserito nella sua lista sei centrocampisti, il reparto che – come era facile immaginare – conta più Azzurri dopo la difesa.
Jean Pascal Freddi Greco, trasferitosi da pochi giorni al Torino (era alla Roma, società in cui era entrato in età di Pulcini), garantisce una buona polivalenza. Può essere impiegato sia come terzino destro sia come mezzala. Un anno fa è stato tra i protagonisti del secondo posto conquistato in Inghilterra il secondo posto nell'Europeo Under 17. Nella circostanza siglò anche una rete nella gara d'esordio. Nel percorso di qualificazione è sceso in campo quattro volte, due da titolare (contro Belgio e Ucraina), mentre è subentrato dalla panchina con Estonia e Danimarca. In panchina invece è rimasto nelle altre due gare con Finlandia e Serbia.
Cinque gare da titolare su sei per Nicolò Fagioli, 2001 della Juventus. Il ragazzo di Piacenza nel corso della scorsa stagione si è distinto pure con il club bianconero. Tra i massimi goleador della formazione Primavera (sei reti), in occasione della sfida di settembre 2018 contro la Carrarese ha fatto anche il suo debutto tra i professionisti, in serie C nella squadra B della Juventus. Fagioli in diverse circostanze si è anche allenato al fianco di Cristiano Ronaldo in prima squadra. Alla Juventus è arrivato dopo l'esperienza alla Cremonese. Nei grigiorossi si era trasferito in seguito al fallimento del Piacenza.
La Juventus è la squadra più rappresentata nella linea mediana. Dalla società piemontese arrivano pure Hans Nicolussi Caviglia e Manolo Portanova. Entrambi classe 2000, entrambi già volti conosciuti alla serie A.
Per Hans Nicolussi Caviglia sono già tre i gettoni di presenza da poter sfoggiare, oltre a numerose volte in cui è andato in panchina nel corso della stagione. Il battesimo è giunto nel match di marzo contro l'Udinese, Max Allegri gli ha riservato poi scampoli di gara pure contro Spal e Sampdoria. Otto invece le presenze in serie C, gli unici gol sono relativi a campionato e Coppa Italia Primavera (5 totali). Per questa ragione durante il corso è finito nei radar de La Giovane Italia in tre ranking differenti.
Nella Nazionale Under 19 per il momento ha preso parte a quattro amichevoli mentre non è stato convocato nelle sei partite clou. Ha fatto parte tuttavia dell'Italia Under 17 uscita nel girone eliminatorio a Croazia 2017.
Pure Portanova è entrato a far parte della nostra famiglia in tre ranking differenti tra la fine del 2018 e la prima parte del 2019. Il calciatore nato a Napoli ha debuttato nella massima serie durante l'ultima giornata di campionato, contro la Sampdoria. In precedenza l'approccio con i "prof" lo aveva avuto in serie C, campionato in cui ha raccolto tre presenze tra fine marzo e la prima metà di aprile.
Con Guidi in Azzurro nel corso di questa stagione ha occupato uno spazio importante nel disegno tattico del tecnico di Cerreto Guidi che lo ha lanciato sempre titolare nei sei match da dentro o fuori. Il centrocampista ha lasciato il segno con un gol nella partita d'esordio con l'Estonia. Nella sua carriera ha già cambiato molte maglie, complici pure gli spostamenti di papà Daniele, per anni difensore sul massimo palcoscenico italiano. Ha giocato nella Meroni poi si è trasferito al Bologna. Da lì al Genoa e successivamente all'Athletic Club Liberi. È dalla Lazio però che è approdato nella Juventus.
Tra i 2000 convocati da Nunziata c'è anche Lorenzo Gavioli dell'Inter. Il centrocampista di Ferrara nella passata stagione è stato convocato da Luciano Spalletti per la partita di Europa League di marzo contro l'Eintracht Francoforte. Al termine dell'Europeo sarà girato in prestito dai nerazzurri presumibilmente in serie B.
Nel suo ultimo anno Primavera ha realizzato tre reti. Nel percorso Azzurro con l'Under 19 ha giocato da titolare soltanto una volta nelle sei partite valide per il pass per l'Armenia. Oltre al match con la Danimarca però è stato chiamato in causa pure con Estonia, Finlandia, Belgio e Ucraina.
L'Empoli dovrà attendere Samuele Ricci, classe 2001. Il ragazzo era stato convocato dai biancazzurri prima che Nunziata decidesse la rosa con cui tentare il percorso netto in Armenia. Il centrocampista di Pontedera non era stato chiamato da Guidi in autunno. Durante la contesa di marzo con l'Ucraina ha maturato quella che per il momento rappresenta la sua unica presenza con l'Italia Under 19. Un anno fa firmò il momentaneo 1-1 nella finale dell'Europeo Under 17 contro l'Olanda. Elemento quindi che Nunziata conosce già molto bene e che in quella manifestazione impiego spesso.