Nardozi gela Napoli. La Roma è sola al secondo posto

È stato il grande protagonista in Under 14, si è confermato in Under 15 ma all’inizio di questa stagione, come un po' tutta la Roma, ha faticato nel trovare facilmente la strada del gol. Adesso è finalmente tornato a fare quello che gli riesce meglio: gonfiare le reti avversarie. Il talento cresciuto nella Spes Montesacro arriva ad 8 anni nelle giovanili giallorosse. L’attaccante romano mostra buona attitudine al gol, è bravo ad attaccare gli spazi e riesce a coprire bene il pallone spalle all’avversario, qualità che mostra all’8’ del secondo tempo, quando facendo perno sul difensore centrale partenopeo è bravo a girarsi e scagliare il tiro che esce di poco a lato. Durante il suo percorso vince vari titoli da capocannoniere come nel 2016 al “Trofeo Lorenzo Cesari”, nel 2017 al “Memorial Luigi Stilo”, e l’anno successivo al “Torneo Flavio Gagliardini” oltre a quello di miglior calciatore al “Memorial Rita Antomasi” del 2016. La sfida fra i partenopei guidati da mister Gennaro Sorano e i capitolini schierati dal tecnico Gianluca Falsini è sfociata in una partita complessa e carica di tensione agonistica in cui l’attaccante capitolino si è trovato a proprio agio. Il Napoli parte forte con una buona azione personale di D’Angelo che trova Malasomma in ottima posizione che calcia e trova però un grande intervento di Guerrieri che mantiene il risultato inalterato. Ma al 7’ inizia a salire in cattedra il mattatore di giornata che sul lancio in profondità di Musella sferra un potente diagonale di poco alto. Rispondono gli azzurri con un pericoloso cross di De Chiara sul quale non arriva Malasomma. È la Roma poco dopo a rendersi pericolosa: buono lo smarcamento di Nardozi, ma Ceccarelli risulta poco preciso al cross dopo un efficace scambio con De Luca. Al 5’ del secondo tempo mostra la sua natura da bomber avventandosi sulla palla dopo una fatale indecisione del portiere partenopeo e siglando il gol che sigilla la vittoria finale.  Partita che resta bloccata nella zona centrale di campo ad eccezione di una buona conclusione di Campanile che poteva portare al pareggio. Finisce 0-1 e la Roma ottiene tre punti pesantissimi grazie alle qualità del suo attaccante e si candida ad inseguitrice ufficiale della Lazio capolista