Ritorno al passato: Glionna e la tripletta alla Juventus

ACQUISTA IN PRELAZIONE L'ALMANACCO LGI 2021

Dalla Juventus viene ed alla Juventus tornerà, un ritorno al passato in direzione futuro per Benedetta Glionna, esterna offensiva classe 1999: contro la sua ex e prossima compagine la tripletta  in Coppa Italia, in un scoppiettante 4-5 finale nella gara di andata. Non sorridente all'Empoli nemmeno il ritorno in Piemonte, per un 5-0 al triplice fischio. Una prima uscita però che  si è potuta definire al cardiopalma, una partita del tutto rock, un po’ come quel rock suonato per otto anni con il suo basso in quel di Monza, abbandonato a causa del suo arrivo a Torino. Turno dove ha dato spettacolo con tre centri di pregevole fattura e che se non fosse stato per Girelli e Salvai allo scadere avrebbero abbattuto la Vecchia Signora. Un tonfo che era da evitare per l’undici di mister Rita Guarino e del responsabile Stefano Braghin.

Già al 37’ del primo tempo la nostra LGI Glionna aveva graffiato il match, punizione calciata sotto l’incrocio sul palo di Doris Bacic, mentre al 44’  aveva replicato, ancora su mattonella, ma da più lontano, con suo destro che ha aggirato la barriera ed ha  battuto la numero uno croata. Pure la terza marcatura su punizione: incredibilmente, da posizione sempre più lontana e decentrata. Questa volta con evidente responsabilità dell’estremo difensore bianco-nero.

Noi, ormai, del talento originario di Napoli non ci stupiamo più. Ci abbiamo sempre creduto. Già cinque anni fa, nell’almanacco LGI 2015/2016, la sua allora allenatrice ai tempi del Fiammamonza, Ulla Bastrup, la descriveva così: “Vanta un talento difficilmente riscontrabile in una giocatrice della sua età: per visione di gioco, velocità e intelligenza calcistica. E’ completa e fonde tale completezza a una determinazione e un’applicazione fuori dal comune”. Una calciatrice che sta crescendo e sta dimostrando, tra la passata parentesi scaligera all’Hellas e l’attuale avventura nell’Empoli, di poter diventare una grande della Serie A  e che con il proprio tecnico Alessandro Spugna sta trascinando la propria compagine alla testa della classifica ed ad un possibile quarto posto che permetterebbe l’accesso alla Supercoppa Italiana 2021. Una macchina del tempo quella della gara di Coppa Italia quindi che ha unito passato, presente e futuro di Benedetta Glionna.

SCOPRI QUI LE CLASSIFICHE DEI RANKING LGI