Segnando alla Del Piero: l’ascesa di Sofia Pasquali

ACQUISTA IN PRELAZIONE L'ALMANACCO LGI 2021

Un po’ come quando il suo idolo si presentò al Santiago Bernabeu in Champions League e davanti ad un infuocato tifo blanco abbattette i galacticos, grazie ad un mancino chirurgico al 17’ ed ad una punizione pennellata alla “Pinturicchio” al 67’. Inutile dire che la standing ovation per uno dei migliori numero dieci italiani di sempre fu dovuta e fragorosa, quasi assordante al battere il cinque a Paolo De Ceglie.

Di analogie tra Alessandro Del Piero e Sofia Pasquali, attaccante del Brescia, classe 2001, ce ne sono e non poche: entrambi provenienti da piccoli paesini del nord, lui da Conegliano (TV) e lei da Bagnolo Mella (BS), tutti e due con un amore smisurato per il calcio ed un inizio nei campetti di periferia, lui in un prato sistemato dal padre elettricista e lei in un impianto dal fondo sabbioso ed irregolare, ambo saliti alla ribalta in Serie B, lui nel Padova e lei nel Brescia. E se poi si vuol continuare… Quel gol, ad effetto, con un giro parabolico sul palo più lontano. Una rete alla Del Piero appunto, che Sofia Pasquali realizzò nel girone di andata a Formello contro la Lazio, freddando il numero uno del patron Lotito e festeggiando la marcatura all’incrocio dei pali. Un vizio di segnare che non sta perdendo, ma che anzi sta prendendo campo e si sta impossessando letteralmente di lei. Chiedere pure anche a Vicenza e Cittadella.

Se volessimo poi vedere un destino che come per i più importanti top player è già tracciato fin dalle prime apparizioni, si potrebbe porre all’attenzione generale la rete alla Juventus Primavera a Vinovo, in amichevole estiva, quando, contro un mostro sacro dell’Italia U19 come Sara Caiazzo, andò a segno con lucida freddezza. Un gol alla compagine bianconera che potrebbe essere auspicio di un vincente destino. Segnando si, ma anche facendo assist in stile Pinturicchio. Dei cross quasi disegnati, tracciati con finezza. E si può affermare questo ad esempio per il suo zampino nella realizzazione di Martino di domenica, su torre di Merli,  un cross che ha invitato le compagne di reparto a scuotere la rete.

Una Sofia Pasquali alla luce di ciò in ascesa, in un Brescia che la sta valorizzando e la sta facendo crescere come un baby talento… Che tra poco baby non sarà più: chissà infatti se un “Santiago Bernabeu” di Italia, già da settembre, la vedrà protagonista con una doppietta. Nel frattempo noi tutti la aspettiamo, forse anche Alessandro Del Piero se leggerà mai questo articolo, consapevoli di attendere una delle future attaccanti della Serie A che verrà.

SCOPRI QUI LE CLASSIFICHE DEI RANKING LGI