Serie B Femminile, la top 11 secondo i ranking LGI

Terminato il campionato di Serie B femminile, è giunto il momento di stilare la top 11 dei giovani talenti italiani che si sono messi in mostra nell’arco di questa stagione e che hanno raggiunto le posizioni più alte all’interno dei Ranking LGI.

Portieri giovanissimi - Un estremo difensore, in età LGI, si è elevato sopra a tutti in questa stagione di Serie B: si tratta di Beatrice Beretta, portiere del Tavagnacco. Giovanissima, diciotto anni ancora da compiere (li farà il primo luglio), Beretta nonostante la giovane età si è presa la porta friulana grazie alle sue qualità e capacità, che l'hanno resa un portiere affidabile e di categoria già al primo anno in cadetteria, con la bellezza di otto clean sheet in stagione. Se il portiere titolare di questo ipotetico undici è giovane, la riserva non è da meno: Aurora Gilardi, numero 1 del Brescia, è una classe 2004 e che ha difeso alla grande la porta delle Rondinelle in questo campionato, comprese cinque partite senza raccogliere il pallone nella propria rete, meritandosi il posto da "12". Menzione per la prima delle escluse: Anna Dalla Via, portiere del Vicenza, appena retrocesso in serie C.

Fortino friulano-romagnolo - Tanto Tavagnacco e tanto Ravenna in questa top 11. Le due squadre si sono distinte per il largo utilizzo di giovani talenti lungo tutta la stagione andandosi così ad accaparrare diverse posizioni in questa top 11. La difesa infatti è perfettamente ripartita tra le due squadre, con il lato destro di matrice romagnola e quello sinistro proveniente dal Friuli. Partendo da destra quindi, il laterale difensivo su quella fascia è Laura Capucci  del Ravenna: la classe 2000 scuola Inter è stata uno dei tasselli fondamentali del campionato delle romagnole, rendendosi uno degli elementi imprescindibili delle giallorosse. Con lei, finita altissima nel ranking Under 19 (addirittura al quarto posto, miglior giocatrice di Serie B tra under 23 e under 19) c'è Linda Giovagnoli: difensore centrale dalle spiccate doti fisiche, l'originaria di Forlì classe 2002 non ha solo guidato la retroguardia ravennate, ma ha saputo anche farsi valere in fase offensiva, con 4 reti realizzate in campionato. Lato sinistro invece ad appannaggio del Tavagnacco: i clean sheet di Beretta infatti non sono solo farina del suo sacco, ma anche di un pacchetto arretrato che ha trovato risposte importanti anche dal centrale di sinistra, Federica Veritti, giocatrice duttile, classe 1999, capace di giocare in tutti i ruoli della difesa, e Melissa Toomey, terzino classe 2000 che ha presidiato la fascia sinistra tutta la stagione. In panchina, un'altra giocatrice del Tavagnacco: trattasi di Elisa Donda, terza giocatrice friulana, e Aurora Missiaggia, capitano e centrale difensivo del Vicenza, su cui è poggiata a lungo la retroguardia veneta quest'anno e che ha saputo anche trovare la via del gol con le sue abilità su corner. Altre giocatrici comunque hanno ben figurato quest'anno e avrebbero potuto comparire in questa top 11: Camilla Pavana (Cesena), Genni Pantani (Pontedera) e Carlotta Masu (Cittadella) su tutte.

Centrocampo solido - Il Ravenna, che già ha messo due giocatrici in formazione in difesa, ne aggiunge due anche al reparto di centrocampo, nel quale diverse romagnole sono riuscite a mettersi in luce. Non è un caso: le ravennate sono la squadra più giovane di tutto il torneo e sono andate a prendersi un terzo posto veramente lodevole, che questo gruppo ha fortemente voluto. In mediana sono due le giocatrici che più di altre si sono distinte: Giada Morucci Francesca Barbaresi. Entrambe sono state fondamentali nello scacchiere di mister Recenti, dimostrandosi come giocatrici più abili in copertura che realizzativa, lasciando che fossero le varie Cimatti, Benedetti e Marengoni a infilare la porta. Con loro, un'altra giocatrice di categoria, brava in impostazione, ma capace di distinguersi anche in fase di copertura: si tratta di Serena Magri, regista del Brescia Femminile, che quest'anno ha guidato il reparto centrale delle Rondinelle. Il suo campionato non è stato solo utile per continuare a mettere in luce le sue abilità, ma anche per mettere a segno sei reti, con grande freddezza dal dischetto visti i tre penalty trasformati in campionato. In panchina, spazio per la prima giocatrice della Lazio campione della Serie B: Virginia Di Giammarino, spesso utilizzata da Carolina Morace quest'anno e che si è presa il centrocampo biancoceleste. In panchina anche Marta Grosso, anche lei del Tavagnacco, e che si è gradualmente presa il posto in squadra quest'anno. Da sottolineare anche le ottime stagioni di Francesca La Rocca (Vicenza) e Nina Ligi, altra giocatrice del Ravenna in odore di top 11.

Attacco esplosivo - Notevole veramente il trio offensivo di questa top 11, con tre giocatrici che, giustamente, potranno ambire nei prossimi anni al palcoscenico del piano superiore. Al centro dell'attacco, ecco Maddalena Porcarelli, centravanti del Cesena che a lungo ha lottato per la promozione. Maddalena, di cui abbiamo parlato in un recente focus, ha confermato le sue grandi abilità, notevoli per una classe 2000. 8 i gol nel suo campionato, cifra forse anche bassa per le doti messe in campo. A sinistra invece, non poteva non esserci Noemi Visentin della Lazio: la biancoceleste, che nel girone di ritorno non è riuscita a trovare il gol con continuità, ha comunque dimostrato di essere pericolosissima sulla sua fascia, capace di fare male alle difese in tanti modi e restando titolare inamovibile per tutto l'anno. Sei le marcature di Noemi in questo campionato. Infine, a destra, un'altra ravennate: in questo caso si tratta di Arianna Marengoni, giocatrice che ha saputo rendersi protagonista del campionato ravennate con le sue incursioni dalla fascia. Cinque le reti messe a referto quest'anno, per un trio offensivo di brio e corsa che farebbe sicuramente divertire il pubblico visto l'estro proposto. In panchina, spazio a Veronica Benedetti e Giada Burbassi, entrambe del Ravenna e che hanno contribuito anche loro all'ottima cavalcata delle romagnole con 5 reti in due. Menzioni speciali anche per Marta Basso (Vicenza), Flavia Devoto (Tavagnacco) e Giorgia Pellegrinelli (Riozzese Como).

Sono state comunque tante le ragazze che quest'anno si sono distinte nel campionato di Serie B e che hanno trovato minuti e spazi importanti; purtroppo in una top 11 non ci potevano stare tutte le meritevoli, anche se il nostro auspicio è di vederle prendersi uno dei posti nella prossima stagione!

SCOPRI LE CLASSIFICHE DEI RANKING LGI