Under 15, Fiorentina: alla scoperta di bomber Pellicanò

In una giornata in cui sono state disputate solo tre delle diciannove partite in programma, di norma dovrebbe essere complicato trovare degli spunti interessanti da sviluppare. Di norma, ma il Campionato Nazionale Under 15 è talmente ricco di storie, talenti ed emozioni da regalare sempre parecchi input narrativi.

Quello scelto questa settimana è spuntato dalla lettura dei tabellini come un giglio nel bel mezzo di un prato verde. A destare la nostra attenzione è stato un nome, quello di Antonino Pellicanò, attaccante della Fiorentina. Non ci sembrava nuovo. E il motivo è stato presto svelato. Solo una settimana prima, l’attaccante viola era stato grande protagonista della gara contro la Roma, segnando una doppietta. Si è ripetuto anche contro il Pescara, aprendo le marcature e spianando la strada della Fiorentina verso la prima vittoria in campionato.
I conti sono presto fatti: due gare da titolare, tre gol realizzati. Non vi basta? Aggiungeteci allora che si tratta di un ragazzo appena sbarcato nel professionismo, alla prima esperienza lontano da casa. Cresciuto ed esploso nel settore giovanile dell’Asd Segato di Reggio Calabria, è giunto a Firenze in estate con un bagaglio ricchissimo di gol, molti dei quali realizzati lo scorso anno, sotto età, nel Campionato Regionale Under 15. Per assicurarsi il suo talento, la Fiorentina ha dovuto superare la concorrenza di numerose squadre, Atalanta e Bologna in primis.

«Si tratta di un giocatore di grandi prospettive, sul quale, come tutti, stiamo lavorando molto – ci spiega Marco Capparella, allenatore della Fiorentina Under 15 – Antonino è un ragazzo che si impegna tanto, che ascolta e che apprende velocemente. Ha grandi prospettive e con questo atteggiamento può crescere davvero molto».
In queste prime uscite stagionali, Pellicanò si è già guadagnato un aggettivo assai ambito da chi indossa la 9 sulle spalle: letale. Vero bomber d’area di rigore, fisicamente molto alto e magro, in questi primi mesi nel capoluogo toscano ha già dimostrato ampi miglioramenti anche nella fase di costruzione. Incontenibile quando allunga alle spalle delle linee difensive avversarie, presenta ancora ampi margini di crescita dal punto di vista tecnico, fattore che lo rende un prospetto davvero di grande interesse.

Peccato che il campionato ora si fermi. Fino al 24 novembre, almeno, niente partite, niente gol, niente emozioni. Passato questo periodo, non sappiamo lungo quanto, torneremo a raccontarvi di questi ragazzi, delle loro piccole imprese sui campi e della loro crescita. Sinceramente, non vediamo l’ora.