Nicolò Rovella, esordio con vista sul Genoa del futuro

Il Genoa si è preso gli ottavi di Coppa Italia, battendo in rimonta l’Ascoli con un 3-2 dalle mille emozioni. Il grande protagonista del tardo pomeriggio di Marassi è stato Andrea Pinamonti, autore della doppietta che ha aperto e chiuso il tabellino dei marcatori, permettendo alla formazione di Thiago Motta di staccare il biglietto per il prossimo turno contro il Torino. Ma quella di ieri è stata anche la partita di Nicolò Rovella, che ha festeggiato il suo esordio nel calcio professionistico. Il regista classe 2001 ha coronato il percorso iniziato nella sua Segrate, in provincia di Milano, che lo ha visto vestire le maglie dell’Accademia Inter e dell’Alcione, prima di indossare quella del Genoa e diventarne un pilastro delle formazioni giovanili. Un cammino che lo ha portato dritto fino alla prima squadra, con Thiago Motta che ne ha intuito le potenzialità e lo ha premiato lanciandolo in campo al posto di Cassata negli ultimi minuti del match contro l’Ascoli.

Non è un caso che Nicolò sia stabilmente nel giro delle nazionali giovanile azzurre. Presente all’Europeo Under 17 di due anni fa, con gli azzurrini battuti in finale ai calci di rigore dall’Olanda, il play rossoblù è ora una delle colonne dell’Italia Under 19, che lo ha visto sempre presente nella prima fase di qualificazione all’Europeo 2020. La rassegna continentale è uno dei grandi obiettivi della sua stagione, insieme a quello di portare più in alto possibile una Primavera del Genoa che, dall’alto del terzo posto in classifica nel campionato Primavera 1, non vuole porre limiti ai propri sogni di gloria. Il resto lo fa una invidiabile cultura del lavoro, per la quale il ragazzo nativo di Segrate deve ringraziare una famiglia sempre presente e molto attenta nel seguirlo anche nel rendimento scolastico, e che certamente saprà aiutarlo a mantenere i piedi ben piantati a terra anche dopo aver provato l’ebbrezza dell’esordio in prima squadra.

La nostra redazione ve lo racconta nel focus su Tuttomercatoweb.

CLICCA QUI PER LEGGERE L'ARTICOLO COMPLETO

CLICCA QUI PER ACCEDERE AI RANKING LGI