Padova, Matteo Lovato: il Millennial con il “posto fisso”

Nel terzo turno di serie C sono stati sei i calciatori impiegati nel girone B. Tendenza nuovamente in ribasso rispetto a una settimana fa.

Fermana-Feralpisalò. Costante la presenza di Simone Isacco nelle griglie LGI. Il calciatore dell'Atalanta ha totalizzato il terzo gettone di presenza da titolare. La sua prestazione è terminata dopo poco meno di un'ora di gioco.

Arzignano-Gubbio. Due presenze Under 19 ma soltanto uno ha calcato il terreno di gioco dal primo minuto. Pure in questo caso però si è trattato di un habitué di questo primo scorcio di torneo.  Gabriele Perretta è riuscito infatti a guadagnarsi per il terzo week end consecutivo la fiducia di Alberto Colombo. L'allenatore lo ha lasciato in campo fino al termine ottenendo in compenso il terzo pareggio in altrettante gare della matricola vicentina.
A piccoli passi prosegue invece l'inserimento di Marco Meli nel Gubbio. Il ragazzo arrivato alla corte di Federico Guidi a ridosso del gong della campagna trasferimenti ha trovato spazio nell'undici titolare. Dopo gli scampoli del confronto con la Virtus Verona, questa volte il pontederese si è dovuto accontentare della prima porzione di gara. Meli è stato sostituito dopo l'intervallo.

Fano-Ravenna. Esordio con la casacca del Fano per Davide Di Francesco. Per il ragazzo di Sant'Omero, giunto a titolo temporaneo dall'Ascoli nelle ultime battute di calciomercato, il match con il Ravenna ha rappresentato il battesimo nel professionismo. Il classe 2001 nei trentasei minuti in cui è stato gettato nella mischia ha provato a creare scompiglio. Sui suoi piedi è capitato il pallone della possibile vittoria ma l'ex Juventus (in bianconero ha giocato in prestito nell'ultimo anno e mezzo) non ha saputo capitalizzare l'occasione.

Modena-Padova. Nel posticipo di lunedì sera infine sono stati due gli elementi del ranking serie C di LGI impiegati dai rispettivi tecnici. Nello scacchiere di Salvatore Sullo si è riconfermato pedina di primaria importanza il difensore del 2000 Matteo Lovato. Il ragazzo ex Genoa di Monselice con il passare delle giornate sta diventando un perno importante della capolista.