Serie A, Fiorentina-Brescia: Tonali sfida il suo futuro?

Dopo i primi accenni nel fine settimana con i recuperi della 25^ giornata, la Serie A riprende il suo corso. In programma il 27^ turno di un campionato decisamente avvincente ad equilibrato, tanto nella lotta per lo scudetto e le posizioni valide per le coppe europee quanto nella bagarre salvezza. Una massima serie che quindi tiene tifosi e addetti ai lavori incollati allo schermo, suscitando interesse anche per i tanti giovani che regolarmente vengono messi in campo. Una schiera di Under 21 tenuti sotto osservazione da La Giovane Italia, che ormai da inizio anno ha istituito una sorta di "scudetto LGI" per verificare quali squadre puntino maggiormente sulla linea verde. Nel corso delle 38 giornate di campionato, ogni compagine guadagnerà un punto per ciascun Under 21 schierato (dall'inizio o a gara in corso) e 0,5 punti per ogni Under 21 che figura tra i panchinari senza scendere in campo. Sommando questi punteggi, verrà fuori settimanalmente una classifica che determinerà per ogni giornata la "partita LGI", ovvero la sfida tra le formazioni che occupano le posizioni più alte in questa speciale graduatoria.

La partita LGI - Nella prima giornata dopo la sosta, il match da tenere d'occhio in ottica La Giovane Italia è senza dubbio Fiorentina-Brescia. I viola e le rondinelle occupano rispettivamente il quarto e il secondo posto della "graduatoria LGI" risultando tra le formazioni che più di altre puntano sui giovani. Uno dei protagonisti annunciati della sfida è Sandro Tonali, splendido talento bresciano seguito con molto interesse proprio dalla Fiorentina. La sfida del Franchi può essere dunque il primo contatto tra Tonali e il caloroso pubblico viola. Anche altri ragazzi stanno avendo un discreto spazio, come l'esterno offensivo viola Riccardo Sottil, il difensore Massimiliano Mangraviti e il centrocampista Mattia Viviani, anche lui della formazione di Diego Lopez. Una gara dunque all'insegna dei talenti nostrani.

Se Fiorentina-Brescia è un inno alla gioventù, Inter-Sassuolo non è certo da meno. I nerazzurri hanno in Alessandro Bastoni un elemento di sicura affidabilità per quanto riguarda il reparto arretrato, mentre in avanti scalpita Sebastiano Esposito. Nel Sassuolo, invece, Manuel Locatelli è una certezza per la qualità e la quantità che riesce a dare alla mediana. Infine, visto il susseguirsi di impegni, l'attaccante esterno Giacomo Raspadori potrebbe avere più spazio nello scacchiere di De Zerbi rispetto ai mesi scorsi.

Dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia per mano della Juventus, il Milan si rituffa in campionato ripartendo dall'insidiosa trasferta di Lecce. Una sfida in cui sarà determinante la tenuta difensiva, garantita - tra gli altri - da Gianluigi Donnarumma con le sue parate. Parlando invece di difensori, può avere una chance di giocare Matteo Gabbia, talento cresciuto in casa che ha regalato buone sensazioni prima dello stop.

I possibili esordi - Quando una squadra fatica ad uscire da un momenti critico, può affidarsi alla spensieratezza dei giovani. Una dinamica che potrebbe riguardare il Cagliari, che ha ricominciato il campionato con l'ennesimo risultati negativo degli ultimi mesi (sconfitta per 2-1 a Verona contro l'Hellas). In vista della sfida contro la Spal, il tecnico Walter Zenga ha convocato tre ragazzi che hanno ben figurato nella Primavera. Si tratta del difensore Andrea Carboni, del centrocampista Riccardo Ladinetti e del trequartista Alessandro Lombardi. Tre giovani elementi che possono trascinare i sardi alla riscossa. Parlando infine di altri possibili esordi, l'attaccante del Milan Lorenzo Colombo freme per giocare la sua prima gara in Serie A dopo aver debuttato in Coppa Italia.

La classifica scudetto LGI*:

1° SASSUOLO 73,5

2° BRESCIA 49,5

3° MILAN 47

4° FIORENTINA 43

5° INTER 36,5

6° VERONA 35,5

7° ROMA 34

8° CAGLIARI 30,5

9° GENOA 24

10° LECCE 23,5

11° BOLOGNA 19

12° TORINO 18,5

13° NAPOLI 11

14° ATALANTA 10

15° SPAL 7

15° JUVENTUS 7

17° PARMA 5

18° SAMPDORIA 2,5

19° UDINESE 0,5

20° LAZIO 0

*1 punto per ogni Under 21 schierato (dall'inizio o a gara in corso), o,5 punti per ogni Under 21 portato in panchina e non sceso in campo