Under 15, è subito Roma-show con Nardozi e Mannini

Basta uno sguardo veloce ai risultati della prima giornata del campionato nazionale Under 15 per notarne uno in particolare. È il rotondo cinque a zero con cui la Roma ha superato la Reggina. Veder giocare i giallorossi, in ambito giovanile, vuol dire trovarsi di fronte a una sicura protagonista della stagione. A prescindere dalla categoria. Ma significa anche poter apprezzare giovani calciatori di grande valore, con la consapevolezza – gli esempi non mancano – di poterli, in futuro, veder calcare i campi della Serie A. In questo primo articolo stagionale il nostro focus si posa sue due ragazzi in particolare, protagonisti nel match d’esordio con una doppietta ciascuno.

Che Manuel Nardozi segni un paio di gol in una partita quasi non fa già più notizia. L’attaccante classe 2006 è abituato a siglare annualmente valanghe di reti e, anche in questa stagione, pare intenzionato a mantenere le attese. Un rasoterra fulminante con il piede debole (il destro) e un tap-in da distanza ravvicinata. Quasi un manifesto per un attaccante abilissimo nel crearsi le occasioni e letale nello sfruttare quelle che gli vengono offerte. Cresciuto molto dal punto di vista fisico e muscolare dallo stop dei campionati dello scorso febbraio, Nardozi è il tipico centravanti moderno, dotato fisicamente e abile tecnicamente. Un plus? Facciamo due: determinazione e generosità. Lottatore come pochi in ogni zona del campo, non è raro vederlo sgroppare per decine di metri alla caccia di un pallone da recuperare.

Veder giocare Mattia Mannini, invece, fa pensare immediatamente a una parola: personalità. La sua storia lo dimostra: arrivato in estate dallo Spezia, domenica ha immediatamente ricevuto i gradi di vice capitano. Centrocampista intermedio già ben strutturato fisicamente, reattivo, rapido, dotato di ottima tecnica e precisi tempi di inserimento, rivela la sua utilità sia in fase offensiva che in interdizione, dimostrandosi un abilissimo rubapalloni. Il debutto in campionato con la maglia giallorossa lo ha visto disputare un’ottima partita e impreziosirla con due reti, prima saltando due avversari e pure il portiere per depositare nella porta ormai vuota, poi liberandosi della marcatura con un perfetto controllo di palla e far partire un destro secco e preciso alla sinistra del numero uno reggino. Ne risentiremo parlare, di loro e della Roma di mister Rubinacci.

Articolo a cura di Paolo Redi.

NON PERDERTI L'ALMANACCO 2020! CLICCA QUI PER ACQUISTARLO