Under 21 Serie A: Pellegrini instancabile, debutta Maldini

Fine settimana pirotecnico per quanto riguarda la Serie A, con gol a grappoli ed emozioni che hanno tenuto gli spettatori incollati allo schermo o al rettangolo verde. La 22^ giornata non è stata certo adatta ai deboli di cuore, confermando quanto il campionato di Serie A non sia soltanto tattica e difensivismo come in molti pensano. Una grandinata di emozioni dunque, così come tanti sono stati i giovani che hanno avuto spazio. Talenti Under 21 che La Giovane Italia segue fin dai loro primi passi e che ora ammira ai piani alti del calcio italiano.

Pellegrini freccia del Cagliari - I fuochi d'artificio hanno riguardato la 22^ giornata di Serie A nel suo complesso, con incontri davvero piacevoli in ogni zona della classifica. Ha certamente divertito gli spettatori Cagliari-Parma, sfida tra due delle migliori provinciali terminata 2-2. Tra i più in palla nella formazione di Maran, a secco di vittorie da 8 gare, figura il terzino sinistro Luca Pellegrini. L'esterno difensivo travolge tutti i suoi avversari sulla corsia di sinistra, accompagnando sempre la fase offensiva e fornendo cross invitanti per le punte. Uno di questi consente a Simeone di segnare il momentaneo 2-1 per i sardi.

Maldini, la dinastia continua - La famiglia Maldini e il Milan: un legame indissolubile arrivato al terzo capitolo. Dopo Cesare e Paolo è arrivato il turno di Daniel Maldini, che riporta questo illustre cognome in rossonero dopo 11 anni (quando si ritirò suo padre Paolo). Il talento classe 2001 è entrato negli ultimi minuti del match contro il Verona, finito con il punteggio di 1-1. Minutaggio troppo risicato per mostrare le sue qualità, ma comunque sufficiente aper strappare ai tifosi milanisti convinti applausi e a regalare loro la speranza che un alto Maldini possa arricchire in futuro la storia rossonera.

Gli altri talenti LGI - Il 22^ turno di campionato è cominciato con la sconfitta del Brescia contro il Bologna. Squadra che fatica ad essere concreta quella lombarda, nella quale Sandro Tonali è stato "umano" non regalandosi l'ennesima prova da potenziale fuoriclasse. Roboante il 4-2 imposto dal Sassuolo alla Roma, con Manuel Locatelli perno del centrocampo neroverde. L'ex Milan ha recuperato tanti palloni, per poi ricominciare l'azione sfruttandola velocità degli attaccanti emiliani. Sconfitta netta ma prova orgogliosa per la Fiorentina in casa della Juventus. Viola sconfitti 3-0 ma sempre in partita, con Patrick Cutrone a ringhiare su tutti i palloni e Riccardo Sottil a provare a dare la svolta nel finale. Prestazione generosa anche per Andrea Pinamonti del Genoa, che ha strappano un buon 2-2 contro l'Atalanta. Pareggio anche per il Milan - per 1-1 - in casa contro il Verona: Gianluigi Donnarumma ancora una volta tra i rossoneri che hanno fatto meglio. Sconfitta pesante per il Torino in quel di Lecce: a nulla è valso l'ingresso in campo già nel primo tempo di Vincenzo Millico. Chiude l'Inter, che tiene il passo di Juventus e Lazio battendo per 2-0 l'Udinese. Sebastiano Esposito, lanciato dal primo minuto da Conte, ha mostrato grinta e voglia di fare, mentre Alessandro Bastoni ha confermato il suo status di titolare della difesa interista con l'ennesima prova convincente.