Under 21 Serie A: prima per Cutrone, Viviani faro nel buio

Con lo scorso fine settimana, la Serie A è arrivata al giro di boa. La 19^ giornata ha emesso i suoi verdetti parziali, come la Juventus campione d'inverno mentre Genoa, Brescia e Spal ad arrancare in zona retrocessione. Tanti altri temi nell'ultimo turno del girone d'andata: la Lazio che non smette di vincere e di sognare, il ritorno al gol di Ibrahimovic, il Cagliari che ha perso lo smalto di inizio stagione e rischia di passare il testimone come "sorpresa del campionato" a Parma o Verona. Una costante in questa prima parte di stagione: i tanti giovani protagonisti. Talenti Under 21 che stanno recitando un ruolo importante in stagione , ripagando la fiducia dei rispettivi allenatori. La Giovane Italia osserva quotidianamente la crescita di questi ragazzi, sempre più decisivi e consapevoli dei propri mezzi.

Cutrone is back, la viola ha un nuovo bomber - Un emigrante di ritorno per la Fiorentina di Rocco Commisso. I viola, per riemergere dalle acque della bassa classifica, si sono assicurati dal Wolverhampton Patrick Cutrone: attaccante arrivato in Inghilterra la scorsa estate. L'ex Milan ha debuttato ad un quarto d'ora dalla fine del match tra Fiorentina e Spal, quando il risultato era ancora sullo o-o. Cutrone è entrato bene in partita e ha sfiorato il gol della vittoria, con un geniale colpo di tacco su cross dalla destra. Il successo comunque è arrivato per i viola, che ora hanno una freccia in più nel loro arco per trovare la via della rete.

Viviani  ottimo vice Tonali - Quello tra Fiorentina e Spal non era l'unico scontro salvezza del 19^ turno. Al Ferraris si sono affrontate Sampdoria e Brescia, con i blucerchiati capaci di demolire i rivali lombardi per 5-1. Tra i pochi che si salvano nelle rondinelle c'è Mattia Viviani, chiamato a dirigere la mediana bresciana in sostituzione di Sandro Tonali. Compito che il classe 2000 ha svolto come meglio non poteva, considerando il livello generale della prova della sua squadra. Seconda partita consecutiva per lui, prima da titolare: Viviani pedina sempre più importante nello scacchiere di Corini.

Gli altri talenti LGI - La 19^ giornata si è aperta con Cagliari-Milan: sfida da ricordare soprattutto per il ritorno al gol di Ibrahimovic. Un match nel quale Gianluigi Donnarumma ha fatto un solo intervento da ricordare, togliendo dalla porta un delizioso pallonetto di Nandez. Nell'undici cagliaritano, il terzino sinistro Luca Pellegrini ha offerto una prestazione migliore nel primo tempo piuttosto che nei secondi quarantacinque minuti. Pareggio per 1-1 tra Inter e Atalanta, con Alessandro Bastoni ancora una volta tra i titolari della difesa di Antonio Conte. Cade malamente il Sassuolo contro l'Udinese: nel finale De Zerbi si è giocato la carta Giacomo Raspadori, che ci ha provato in un paio di circostanze. Oltre a Viviani, nel Brescia sconfitto per 5-1 dalla Sampdoria era titolare anche Massimiliano Mangraviti: la sua prova è stata positiva, fino a quando i doriani non hanno dilagato. Chiusura dedicata a Nicolò Zaniolo che, nel primo tempo di Roma-Juventus, si è procurato la rottura del crociato anteriore del ginocchio destro dopo aver provato una percussione centrale per scardinare la difesa bianconera. La speranza di tutti gli italiani è che possa recuperare per gli Europei.